Must have 2

Ciao a tutte! Oggi, finalmente, un po’ di “tranquillità”…si fa per dire, visto tutto quello che rimane da fare il fine settimana! Comunque un minimo di tempo per dedicarci alle passioni è cosa buona e giusta! Volevo inserire nella categoria dei “must have” un altro pezzo intramontabile della moda, che non può assolutamente mancare nei nostri guardaroba…il trench Burberry! Nel 1879, Thomas Burberry cerca un materiale che permetta di creare un indumento confortevole e che ripari da pioggia, vento e freddo. I suoi studi portano alla nascita della gabardine. Si tratta di un tessuto composto da fili così stretti da proteggere dall’umidità. Thomas Burberry non si accontenta e riveste con una formula segreta i suoi primi impermeabili. Gli ordini affluiscono, a iniziare dall’esercito. Thomas Burberry riprende il design dei vecchi cappotti degli ufficiali inglesi, che aveva lui stesso disegnato tredici anni prima per il War Office. Vi aggiunge delle spalline e degli anelli in metallo: è nato il trench-coat! Di ritorno dal fronte, i soldati continuano a portare il trench, che passa così alla vita civile quotidiana. Il trench attraversa gli anni, conservando la sua forma iniziale: 26 pezzi in gabardine, doppiopetto, spalline, sottogola – per evitare che l’acqua entri nel colletto -, fodera tartan, mantella corta sulle spalle per ripararle maggiormente dal freddo, falda triangolare di stoffa sul davanti che, sovrapponendosi all’allacciatura, permette una chiusura migliore, maniche che si stringono intorno ai polsi per mezzo di cinturini con fibbie, cintura con anelli di ottone, lungo spacco posteriore chiudibile con un bottone. Nel 1990 Burberry rinnova il suo modello; Roberto Menichetti, il direttore artistico della griffe, stampa su un nuovo modello il famoso motivo tartan, che fino ad allora aveva caratterizzato la fodera del trench Burberry. Il modello diventa un cult…

ImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagine

 

Besitos : )

Annunci

3 pensieri su “Must have 2

  1. alvufashionstyle

    Adoro gli articoli che raccontano la storia di un indumento! La moda infatti va studiata e interpretata. Dietro un tessuto ci sono anni e anni di ricerca e questo a volte passa in secondo piano rispetto al design e al brand! Mi piace che venga valorizzato il materiale! Complimenti!

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...